Amleto

8.00 CHF

William Shakespeare

Traduttore: E. Montale
Editore: Mondadori
Collana: Oscar classici
Anno edizione: 2000
Pagine: 303 p., brossura

1 disponibili

COD: NAR_CLAS-19 Categorie: ,

Descrizione

La celeberrima tragedia di Shakespeare è una grande parabola morale, in cui le forze del bene e del male continuano la loro eterna lotta, coinvolgendo l’uomo in un turbine inarrestabile di dubbi e di passioni che lo porterà alla morte, insieme alle persone amate, ai peggiori nemici, per tenere fede al suo giuramento di vendetta e di giustizia.

AUTORE:

William Shakesperare. Nacque da John, guantaio e piccolo proprietario terriero e da Mary Arden, di famiglia socialmente più elevata di quella del marito. Terzo di otto fratelli, studiò nella scuola di Stratford, che dovette forse abbandonare per sopravvenute ristrettezze economiche. A 18 anni si sposò con la venticinquenne Anne Hathaway da cui ebbe subito la prima figlia Susan, causa delle affrettate nozze, e nel 1585 i due gemelli Judith e Hamnet, morto poi nel 1596. Fino al 1592 non ci sono notizie attendibili; certo è che a questa data aveva ormai lasciato famiglia e paese natio per trasferirsi a Londra, dove era in contatto con l’ambiente degli University Wits. Nel periodo della peste (1593-94) scrisse due opere poetiche dedicate al duca di Southampton: “Venere e Adone” e “Lucrezia violata”.
In questi anni iniziò anche la stesura dei sonetti, che durò, tranne qualche componimento più tardo, fino al 1597. È il periodo della grande fioritura teatrale di Londra. I teatri sono numerosissimi: sia pubblici, scoperti, in cui si recita alla luce del giorno; sia privati, coperti, in cui la scena è fissa. Gli attori sono organizzati in compagnie che godono della protezione di qualche esponente della corte e hanno tra loro scrittori che forniscono testi con incredibile rapidità. Shakespeare, autore e attore, con l’appoggio del duca di Southampton, diventa anche comproprietario del celeberrimo Globe Theatre e poi del Blackfriars, e accumula così una piccola fortuna. Ciò gli permette di acquistare delle proprietà a Stratford e di far concedere al padre uno stemma gentilizio. Le notizie su di lui sono legate soltanto a rappresentazioni o edizioni di sue opere e a documenti familiari o legali: le nozze delle figlie, la testimonianza in un processo (1612), l’acquisto di proprietà (1613). Nel 1610, pur continuando la collaborazione con la compagnia dei King’s Men, si era ritirato a Stratford. Nel marzo del 1616 fece testamento, il 23 aprile dello stesso anno morì e fu sepolto nel coro della chiesa della Old Town. Fra le sue tragedie più celebri, ricordiamo “Romeo e Giulietta”, “Macbeth”, “Re Lear”, “Amleto e Otello”. Fra le commedie, continuano ad essere rappresentate in tutto il mondo “Sogno di una notte di mezza estate”, “Molto rumore per nulla”, “La tempesta”, “La bisbetica domata” e “Come vi piace”. Tra i drammi storici: “Riccardo III” ed “Enrico IV”.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.300 kg

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Amleto”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *